BEyouTIFUL

Questo è uno slogan molto bello, ultimamente molto popolare sul web. Questo gioco di parole ci dice che ognuno di noi è bello quando è finalmente se stesso. Dico finalmente perché essere se stessi è un punto di arrivo, significa ascoltarsi, capire ciò che è mio e ciò che mi è stato imposto, ciò che mi frena e ciò che mi aiuta a dare il meglio di me. E amare ciò che fa di me un unico, diverso da tutti gli altri, non omologato. E come dice il Vangelo, questa luce che finalmente riconosciamo non va tenuta nascosta ma fatta risplendere.
Questo slogan è azzeccato per la Pentecoste. Lo Spirito scende su ogni persona e dà ad ogni persona una genialità che gli è propria, per questo ciascuno deve essere fedele al proprio dono. Se tu fallisci, se non realizzi ciò che puoi essere, ci sarà una disarmonia nel mondo intero, un rallentamento nel cammino del cosmo verso la vita nella Trinità, ma se hai vissuto nell’amore, nell’Amore trovi compimento.
A Pentecoste tutti sentono parlare la propria lingua madre. Lo Spirito fa diventare la tua lingua la Parola di Dio: la tua lingua e la tua passione e il tuo cuore.
Perché il divino e l’umano trovano compimento solo così: l’uno nell’altro.
Dio parla con le tue parole, piange le tue lacrime, e le tue mani sono le sue mani, la tua parola gli dà parola, la tua vita è così vita divina. Lo Spirito è soffio di vita, fiamma di fuoco, sorgente d’acqua viva… aria, fuoco, acqua… ma la terra?
La terra dello Spirito siamo noi.
Allora quando ti senti perdonato e amato forse ancora di più dopo il tuo errore, è L*i, lo Spirito.
Quando senti nascere in te forza e pace mentre affronti una prova, è ancora L*i, lo Spirito.
La capacità di intravedere, il guardare con speranza, con occhi «altri» che ti fanno andare oltre le cose evidenti e finite, è ancora L*i, lo Spirito.
La capacità di fidarti delle cose sul nascere anche se sono deboli e fragili; il coraggio di essere spesso soli a guardare lontano e avanti, è L*i, lo Spirito.
Quando generi amore intorno a te, questa è vita divina, tu sei manifestazione dell’amore divino in cui siamo avvolti.
Non è importante quello che fai ma chi ami. E l’amore che generi intorno a te.
Perché alla fine, quello che resta, non è tanto quanto siamo stati amati ma quanto noi abbiamo amato e trasformato grazie a quell’amore.
La tua capacità d’amore è la tua bellezza, unica, che solo tu puoi donare al mondo.
Sii te stesso. Sii la tua bellezza.
Be-you-tiful.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...